Biennale Danza/Senza il mio corpo lo spazio nemmeno esisterebbe (Merleau-Ponty)

Isabelle Schad / Laurent Goldring, Der Bau, 10. Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Venezia 2016. Credits Laurent Goldring
Isabelle Schad / Laurent Goldring, Der Bau, 10. Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Venezia 2016. Credits Laurent Goldring

“Il tempo può essere visto come lineare o ciclico. Ciò che noi chiamiamo “adesso” è di fatto un punto critico permanente; un gioco di equilibrio fra memoria e anticipazione, oscillando indietro e in avanti fra l’immagine-fantasma del passato e la voglia del futuro”così le parole di Anne Terese De Keersmaeker descrivono il suo lavoro Vortex Temporum presentato al Teatro alle Tese, portando in scena un complesso intreccio di movimento e suono. Creato in collaborazione con l’ensemble Ictus, la famosa coreografa già premiata l’anno scorso con il Leone d’oro, mette in scena tutti insieme, musicisti e danzatori sulle note di Gérard Grisey. Alla base della creazione la domanda“come visualizzare la polifonia danzandola?” Un vortice che tendenzialmente gira verso sinistra e dove capita che oltre ai corpi che danzano e suonano si muova anche il pianoforte cambiando lo spazio e suoi punti di riferimento. Alle volte pare di intuire che ogni danzatore è in intima connessione con uno degli strumenti musicali, ma nel vortice poi le onde concentriche acquistano forza e i dettagli non sono più così nitidi. Opera molto articolata e complessa.

Dal 17 al 26 giugno 2016 si è svolta la decima edizione della Biennale Danza di Venezia che ha visto la presenza di coreografi di varia provenienza e scuola artistica, una pluralità di spazi scenici tra teatri, palazzi storici e i vari campi veneziani, dialogando così con la Biennale Architettura.Quest’anno il premio del Leone d’Oro alla carriera per la Danza è stato consegnato a Maguy Marin coreografa di origine spagnola, nata in Francia, già allieva di Maurice Bejart, “per il lavoro di ricerca attraverso il corpo e lo spazio [..] un corpo politico nel senso di una continua e rinnovata presenza[..] apertura al mondo, al pari di uno scavo continuo[..]”.Un corpo nudo che segna una forte presenza al femminile, il movimento dettato dalle onde e dalle forme di lunghissimi tessuti monocolori dal nero fino all’ocra, creano un ritmo dall’atmosfera ipnotica che trascina il pubblico in un’esperienza visuale, quasi un’installazione vivente: alle Tese dei Soppalchi è stato presentato l’assolo di Isabelle Schad di base berlinese, co-creato con il francese Laurent Goldring, Der Bau ispirato all’omonimo racconto incompiuto di Kafka. Sempre alle Tese dei Soppalchi dell’Arsenale è andato in scena il coraggioso Le Ronde / Quatour di Yasmine Hugonnet, svizzera di ritorno a Venezia: quattro danzatori in costante e precisa slow motion si connettono in cerchio attraverso gesti reciproci e ricambiati. Un assoluto silenzio abbraccia per tutta la durato dello spettacolo la continua metamorfosi di quattro corpi che a tratti appaiono come corpo unico. Parte dalla composizione elettronica di John McGuire del 1978, creando un mosaico di movimenti e ritmi che attraversano il corpo che audacemente rimane per l’intera presentazione al centro del proscenio, Pulse Constellations presentato nelle Sale d’Armi, lavoro del giovane brasiliano di base a Bruxelles Gabriel Schenker, cresciuto proprio alla PARTS, scuola della De Keesmaeker. Sempre sul rapporto suono e movimento vuole indagare l’analogica imprecisione della danza che si confronta con la matematica precisione digitale della musica elettronica. Inaudible di Thomas Hauert / Zoo ha creato un’atmosfera frizzante e incalzante con sei danzatori dai corpi molto diversi che hanno dato vita a un brano collettivo in cui si gioca fra cultura popolare e arte elevata. Presentato al Teatro Piccolo Arsenale, si interroga sull’interpretazione come modalità esecutiva di un brano o di uno spartito: l’interpretazione del performer in dialogo aperto con l’orchestrazione del Concerto in F di Gershwin e Ludus de Morte Regis di Mauro Lanza. Alla fine si susseguono vari finali ricostruendo un confine sul linguaggio del coreografo accessibile ma sempre imprevedibile.
Livia Marques
www.gnomix.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.