Kandinsky Color Experience: Arte e tecnologia

- Kandinsky Colour Experience - Montecatini Terme: W. Kandinsky - Circlesi in a Circle (1923) Installazione interattiva (leap motion )
Kandinsky Colour Experience – Montecatini Terme: W. Kandinsky – Circles in a Circle (1923) Installazione interattiva (leap motion). Foto Alessio Bortot

In epoca seicentesca si diffuse l’utilizzo nelle corti europee di un oggetto ingegnoso e al contempo curioso destinato a evolversi tecnologicamente fino all’epoca contemporanea: la lanterna magica. Tale marchingegno, frutto di ricerche e sperimentazioni scientifiche, dovette apparire ai fruitori dell’epoca come qualcosa di sovrannaturale capace di innescare un senso di meraviglia e incredulità attraverso la proiezione negli ambienti di corte di fantasmagoriche immagini mai viste prima in tale forma.
La mostra Kandinsky. Color Experience si inserisce in quel filone di esposizioni artistiche destinate a innescare nel fruitore quel senso di rinnovata

Giulio Bernardini, Ugo Giusti,Vetrata della Palazzina Terme Tamerici, Montecatini Terme, 1909
Giulio Bernardini, Ugo Giusti, Vetrata della Palazzina Terme Tamerici, Montecatini Terme, 1909. Foto Alessio Bortot

meraviglia grazie alla reinterpretazione, attraverso le più avanzate tecnologie digitali, di alcune tra le più significative opere di uno dei precursori della pittura astratta.
Un’estetica neobarocca ha dunque ispirato le installazioni multimediali e immersive che si dislocano negli spazi liberty delle Terme Tamerici, offrendo al visitatore un’intensa esperienza sensoriale. In questa prospettiva il termine ‘barocco’ non va inteso come il periodo temporale che convenzionalmente copre il XVII secolo, ma piuttosto come una categoria estetica metastorica la quale mostra i suoi riflessi nella contemporaneità grazie proprio alle nuove tecnologie: virtuosistiche lanterne magiche digitali hanno portato agli estremi la percezione sensoriale, azzerando sempre più il confine tra realtà e illusione, tra spazio fisico e spazio immaginativo. Attraverso la messa in scena delle opere kandinskiane il pubblico non si troverà a osservare le immagini dal di fuori del mondo raffigurato pittoricamente, ma a varcare la soglia del quadro, percependosi introiettato nello spazio dell’opera e quindi divenendo ad essa consustanziale. Gli utenti saranno immersi nello spazio tridimensionale dei quadri e nei colori che li caratterizzano, capaci secondo Kandinsky di “influenzare direttamente l’anima”, coinvolti quindi in un’esperienza fruitiva a 360°.

Kandinsky. Color Experience , Quadreria virtuale, Palazzina Terme Tamerici, Montecatini Terme, Foto Alessio Bortot
Kandinsky. Color Experience , Quadreria virtuale, Palazzina Terme Tamerici, Montecatini Terme, Foto Alessio Bortot

Ogni tecnologia impiegata (Leap motion, proiezioni su maxischermo in HD, realtà virtuale e aumentata, installazioni multimediali) è stata scelta per valorizzare al meglio i contenuti specifici di ciascun quadro selezionato offrendo una rappresentazione nella quale ognuno al contempo è attore e spettatore. Va così affermandosi un nuovo modello percettivo tramite il quale ci si scopre immersi nella poetica dell’artista russo all’interno di un’architettura della visione che scardina la centralità di un unico punto di vista. Molteplici sguardi dunque, potenziati da visori e schermi con immagini in alta risoluzione, spostano il limite visivo dello spettatore accompagnandolo all’interno del metodo espressivo dell’artista, in un’epoca nella quale le tecnologie stanno trasformando i parametri dell’identità.
In Kandinsky. Color Experience la spettacolarizzazione digitale dell’arte non è fine a se stessa poiché “L’arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro”, un futuro per noi presente che ci auguriamo avrebbe divertito lo stesso Vassilij.
Alessio Bortot

Montecatini Terme – Prorogata la mostra Kandinsky Color Experience

Alla Palazzina Terme Tamerici di Montecatini sarà possibile visitare fino al I maggio 2019 la prima mostra interamente virtuale realizzata sull’opera di Wassily Kandinsky da curatori e artisti contemporanei, con le classiche  tecnologie immersive, VR, videomapping, motion graphic, realtà aumentata ecc.
«Ogni opera nasce così, come nasce il Cosmo, attraverso le catastrofi che dal caotico frastuono degli strumenti vanno a formare una Sinfonia, la Musica delle sfere. La creazione di un’opera è la creazione del mondo» (W. K., Lo Spirituale nell’arte). Così, classicamente, Kandinsky paragonava il formarsi di un’opera al formarsi dei mondi, dal caos al cosmo, per mezzo di un artista-demiurgo-sciamano e artigiano. Leggi tutto “Montecatini Terme – Prorogata la mostra Kandinsky Color Experience”

Montecatini Terme – Kandinsky color experience – La Dama a Mosca

Ilaria Rezzi - D'après della Dama a Mosca di Wassily Kandinsky. Mostra Kandinsky Color Experience - Montecatini Terme 15/09/2018 - 15/01/2019
Ilaria Rezzi – D’après della Dama a Mosca di Wassily Kandinsky. Mostra Kandinsky Color Experience – Montecatini Terme 15/09/2018 – 15/01/2019

Fino al 15 gennaio  (ora prorogata al  primo maggio) sarà possibile visitare la prima mostra virtuale e immersiva interamente dedicata a Wassily Kandinsky a Montecatini Terme.
Ad introduzione dell’esposizione vi è un’anticamera dedicata all’immersione nella concretezza della pittura, decorata con i d’après di uno dei quadri che segnarono la svolta dalla pittura figurativa all’astrazione: Wassily Kandinsky realizzò la Dama a Mosca a olio su tela nel 1912. Leggi tutto “Montecatini Terme – Kandinsky color experience – La Dama a Mosca”

“Roma” di Cuarón leone d’oro e Golden Globe

Cuaron premiato con il Leone d'oro alla 75. Mostr Internazionale Cinematografica. Foto Octavian Micleusanu
Venezia /75 Alfonso Cuaron premiato con il Leone d’oro alla 75. Mostra Internazionale Cinematografica. Foto Octavian Micleusanu

Il Leone d’Oro Alfonso Cuarón torna a girare nella sua lingua madre dopo più di vent’anni.
A Venezia presenta Roma, un film bellissimo girato in bianco e nero e prodotto da Netflix.
La pellicola è ambientata negli anni Settanta nel quartiere Roma di Città del Messico ed è parzialmente autobiografico, infatti il film si apre a cannocchiale in una

Cuaron premiato con il Leone d'oro alla 75. Mostr Internazionale Cinematografica. Foto Octavian Micleusanu
Il Leone d’oro nelle mani di Alfonso Cuaron alla 75. Mostr Internazionale Cinematografica. Foto Octavian Micleusanu

visione profondamente sociale e politica della storia contemporanea. Il racconto è interamente filtrato attraverso gli episodi della vita di una domestica che vive all’interno di una famiglia benestante, è una storia “semplice” raccontata da un talento unico. Leggi tutto ““Roma” di Cuarón leone d’oro e Golden Globe”

Biennale Architettura: alla scoperta di nuovi spazi di libertà

16. Mostra Internazionale d'Architettura a Venezia. Finestra di Carlo Scarpa al Padiglione Centrale dei Giardini della Biennale,
16. Mostra Internazionale d’Architettura a Venezia. Finestra di Carlo Scarpa al Padiglione Centrale dei Giardini della Biennale. Foto Octavian Micleusanu

Yvonne Farrell e Shelley McNamara iniziano la Biennale dove Alejandro Aravena  l’aveva lasciata e immaginano un tempo presente/passato/futuro dove lo spazio dell’architettura si apre al dialogo con il pubblico, possibilmente con il sociale  e anche con l’ambiente.  Si presta attenzione ai materiali, a ciò che la natura dona, e che i nostri manufatti del passato lasciano in eredità al presente. Al Manifesto – appello di Farrel-McNamara ad un’architettura più generosa e umana, hanno risposto molti tra i più famosi architetti mondiali, e anche le partecipazioni nazionali  hanno raccolto il guanto.  L’immaginazione, così come lo fa la natura, irrompe negli spazi abbandonati, recuperati e restituiti al pubblico con minimi interventi architettonici. Si riscoprono i metodi costruttivi tradizionali accanto ai nuovi:  il fascino del mattone, del legno, della terra cruda e dei dettagli curati in modo artigianale, accanto agli usi più raffinati del cemento armato. Leggi tutto “Biennale Architettura: alla scoperta di nuovi spazi di libertà”