Biennale Musica23# Eno. Burning, time and mortality (Ita/En)

Venezia, Biennale Musica#23 – Micro-Music. Brian Eno sulla terrazza di Ca’ Giustinian, dopo la premiazione a Leone d’Oro alla carriera. Foto di Octavian Micleusanu

La prima mondiale dell’opera Ships, del Leone d’Oro alla Carriera per la musica Brian Eno, è stata messa in scena dallo stesso Eno al Teatro La Fenice, accompagnato dalla Baltic Sea Philharmonic condotta da Kristjan Järvi, insieme all’attore Peter Serafinowicz, al chitarrista e collaboratore Leo Abrahams, e al software designer Peter Chilvers.
Quello che ne è risultato è stata un’intensa tempesta emozionale contemporaneamente  ad un inabissamento nell’arte del rock: sulla nave di Eno eravamo intrattenuti con ogni tipo di possibilità in simultanea. In apertura “The Ship“, un lavoro elegiaco di ambient music intessuto con testi e riflessioni sui viaggi e sulle guerre. Una canzone senza ritmi o accordi in progressione ma semplicemente cantata sul suono ambient originato da un’installazione che Eno ha commissionato ad un’organizzazione artistica svedese, Fylkingen. Leggi tutto “Biennale Musica23# Eno. Burning, time and mortality (Ita/En)”

Biennale Musica23# – Kali Malone a San Pietro in Castello (ita/en)

Biennale Musica#23 Kali Malone, Trinity Form, première assoluta, Chiesa di San Pietro in Castello, Venezia. Photo by Cobi

Trinity Form, l’opera del nuovo ensemble di Kali Malone, è stata eseguita in San Pietro di Castello il 20.10.23; la stessa organista Kali Malone ha suonato l’organo della chiesa insieme ai suoi collaboratori Lucy Railton, al violoncello, e  Stephen O’Malley alla chitarra acustica con archetto.  Malone utilizza la sensibilità unica della tastiera dell’organo di  San Pietro di Castello per alterare lentamente la pressione aerea dello strumento, al fine di creare, in combinazione con il violoncello e la chitarra acustica, rigonfiamenti timbrici nella tessitura armonica della struttura canonica.
Sedendo tra il pubblico in questo magnifico spazio architettonico, non ho potuto non cogliere nella mia mente  la sensazione di essere raccolti in una veglia,  per custodire uno spazio dedicato a ciò che sappiamo sta accadendo a Gaza proprio in questo momento. Custodire lo spazio per le anime in transito.  La musica risuona di questa delicata empatia, espressa da toni e raggi in trasformazione.  Sembra di essere nei pressi di un fiume ultraterreno, tra le imbarcazioni che raccolgono le anime nella nebbia e danno loro un passaggio verso casa. Un ritorno alla dignità. L’opposto della resistenza. Un modo delicatamente gentile, rilucente in ogni cluster tonale. Un abbraccio. Leggi tutto “Biennale Musica23# – Kali Malone a San Pietro in Castello (ita/en)”

Venezia/Biennale Musica#. Maryanne Amacher (ita/en)

Biennale Musica 2023 – Maryanne Amacher, GLIA, 2006, Italian première. Photo courtesy Labiennale

Un notevole climax per la Biennale Musica: la fenomenale piece per ensemble e nastro GLIA della compositrice  Maryanne Amacher, eseguita dall’odierno Ensemble Zwischentöne diretto da Bill Dietz al Teatro alla Tese, (Arsenale di Venezia) il 16 ottobre scorso.
Con GLIA, Amacher si riferisce alle cellule gliali, talvolta chiamate “la colla” del sistema nervoso, perché forniscono supporto fisico e chimico ai neuroni e contribuiscono al loro mantenimento. Amacher costruisce la musica attraverso lo spazio vivente, includendo e incorporando ogni organismo umano presente nello spazio, l’architettura e le relazioni tra l’ensemble, il nastro e gli stessi corpo e spazio.
L’artista penetra e attiva le orecchie e i corpi dell’uditorio nello spazio, letteralmente attraverso l’incorporazione di emissioni otoacustiche – suoni emanati dall’interno dell’ orecchio degli ascoltatori, ai quali talvolta ella si riferisce come “il terzo orecchio“. La sensazione è quella di un suono che, saltando all’interno dell’orecchio stesso, dissolva lo spazio esterno in quello interno in maniera molto dilettevole. Leggi tutto “Venezia/Biennale Musica#. Maryanne Amacher (ita/en)”

T Magazine apre la Design Week alla Villa Necchi Campiglio

T Magazine ha dato il via alla festa -ormai rituale- più esclusiva, per celebrare l’apertura delle danze dell’appuntamento meneghino per eccellenza, il Salone del Mobile, il più prestigioso rendez-vous mondiale del Design, che accoglie ogni anno migliaia di addetti ai lavori e non solo, da tutto il mondo.

T Magazine Party a Villa Necchi Campiglio (Portaluppi, 1937) nella cornice del parco allestito con le opere dell’artista spagnola Elvira Solana per il Salone del Mobile 2023

Gli ospiti si sono radunati nei giardini incantevoli dell’iconica Villa Necchi Campiglio, la residenza razionalista del 1935 disegnata dal genio architettonico italiano Piero Portaluppi, e che tre anni fa ha ospitato le riprese di House of Gucci.
Ogni anno viene invitato un artista diverso a creare un’installazione site-specific in più parti di Villa Necchi, sia all’interno che nel giardino.
Quest’anno abbiamo potuto notare la piccole case galleggianti sulla piscina della villa e le mastodontiche tele da tre metri circa dipinte dell’artista spagnola Elvira Solana, arricchite da tende di pregiato tessuto moiré granata, con motivo sofisticato, del prestigioso brand di tessuti made in Italy Dedar, interventi che hanno rivoluzionato l’atmosfera della villa.
Altre sgargianti casette, in prossimità del cancello d’ingresso, dai toni rosa e viola, potevano essere sollevate con facilità dai visitatori.
Oltre a ciò, nella sala da pranzo, la stessa Elvira Solana ha allestito piccoli e preziosi modelli di legno delle opere d’arte realizzate appositamente per l’evento.
Abbiamo avuto l’onore di esplorare gli interni della dimora pensata da Portaluppi, insieme ai partecipanti, la creme de la creme del design e della cultura mondiale, insieme alla redattrice di T, Ms. Yanagihara che intratteneva i suoi ospiti bevendo champagne intorno ai preziosi paraventi della villa.
Una serata a cavallo tra design e arte, in una location splendida, la Villa Necchi Campiglio, un gioiello nel cuore di Milano apprezzato da tutto il mondo.
La Redazione

Adamantina: Wanda Guerrato e Andrea Rigobello a Venezia

Wanda Guerrato, Alba e tramonto, tecnica mista, 2021
Wanda Guerrato, Luna e sole, tecnica mista, 2021
Wanda Guerrato, Tanka è donna, tecnica mista, 2021
Wanda Guerrato, Tanka è donna, tecnica mista, 2021
Andrea Rigobello, Wakan Tanka. Grande Mistero, legno, assemblaggio, 2021-2022

 

Andrea Rigobello. Arboreti, assemblaggio, 2021

Venezia,,Galleria Cafe Imagina. Fino a fine magglo si potranno ammirare i lavori di Wanda Guerrato e Andrea Rigobello nella mostra Adamantina.
Trasparente, nitida, incorruttibile ma fluida, in apparenza, è la natura delle cose secondo i due pittori polesani, coppia nell’arte e nella vita, che propongono due punti di vista che s’integrano in una visione profonda del mondo contemporaneo.
Guerrato rappresenta l’esplorazione interiore del sé attraverso un linguaggio geometrico-astratto, ricco di preziosismi decorativi, suggestioni etniche e “madeleine”. Rigobello vede la natura selvaggia dell’uomo contemporaneo rigenerata nel sogno originario della pace e nell’amore universale.
Nella pratica di Wanda Guerrato è essenziale la ricerca di un centro, di un’assialità, di un equilibrio, guidata da immagini archetipali ispirate alla filosofia dello junghiano James Hilmann, e alla libertà mentale di matrice induista del guru Osho. Le figure, come tracce mnestiche si trasfondono l’una nell’altra e, come il socratico Daimon, conducono l’artista nell’esplorazione spirituale della propria identità attraverso l’azione creativa.
In questi anni d’isolamento coatto, la pittrice rodigina ha maturato una tecnica di matrice decorativa: la creazione di forme per mezzo dell’uso prevalente di carte contraddistinte dai colori preziosi e intensi delle albe e tramonti polesani, ricondotte a geometrie primarie, composte come bouquet floreali, e quindi applicate a supporti in stoffa come tanka tibetani . Questi materiali leggerissimi suggeriscono l’impermanenza di pensieri ed emozioni, e della stessa realtà prodotta da un’esigenza estetica che tutto trasforma, facendo emergere un universo interconnesso. La ricerca della pace interiore avviene infatti entro una dinamica di relazioni profonde, che consentono alla realtà di manifestarsi, continuamente rinnovata.
Come uomo e come artista, per Andrea Rigobello non è stato facile accettare di realizzare una mostra nella fase storica attuale. Superando lo stato di sgomento in cui versiamo, tuttavia, ha riconosciuto la necessità di affermare la propria fiducia nella riconciliazione dell’uomo con la natura, che rinvia alla comunione con il nostro sé più profondo.
Il percorso espositivo s’incentra sulla scultura in legno Wakan Tanka. Grande Mistero: un semplice tronco d’albero, recuperato con interventi minimi, suggeriti dallo stesso materiale, in cui si può leggere la forma di uno dei centauri in battaglia coi lapiti, nel fregio del Partenone.
Nell’età tecnologica, con l’assemblaggio La stoffa dei sogni. Installazione Cavaliere e le altre presenti, l’opera rappresenta la vita che ricerca il completamento della propria evoluzione, diretta a una superiore armonia, dove non esistono sopraffazione e sfruttamento. Queste ultime sono l’eredità dell’uomo d’oggi per le generazioni successive, nel momento in cui si sta vivendo una crisi umana di cui non si trova via d’uscita. Il Cavaliere è alla riscoperta della saggezza della natura: il ritorno all’ascolto e al contatto con essa può recare un grande messaggio per l’umanità, il Grande Mistero dell’amore che connette ogni parte dell’universo.
Roberta Reali

Adamantina
Galleria Cafe Imagina
Campo Santa Margherita, Venezia
7/4- 29/5/2022