Nicoletta Confalone: Un angelo senza paradiso. La chitarra alla ricerca di Schubert

La musicologa Nicoletta Confalone a Venezia. Foto Octavian Miclausanu
La musicologa Nicoletta Confalone, autrice di “Un angelo senza paradiso. La chitarra alla ricerca di Schubert”, UtOrpheus 2017. Foto Octavian Miclausanu

L’ultimo libro della musicologa Nicoletta Confalone  uscito per i tipi di Ut Orpheus Edizioni, affronta con la consueta scrittura “musicale”, colta, ironica e incisiva, il tema della presenza e dell’assenza della chitarra nella vita del grande Franz Schubert.
Il titolo riecheggia quello del film Angeli senza paradiso (Leise flehen meine Lieder), del 1933, diretto da Willi Forst, che racconta in maniera romanzata e inattendibile la vita breve e travagliata di Franz Schubert, e che ha avuto, nelle parole dell’autrice “un imperdibile remake kitsch grazie ad Al Bano e Romina, nel 1970″.
Il sottotitolo, La chitarra alla ricerca di Schubert, specifica il soggetto: “Se Schubert è un angelo senza paradiso, per via della sua vita breve, inquieta e incompresa, anche la chitarra può riconoscersi in questa definizione”, prosegue la studiosa rodigina, perché “non solo per i più è ingabbiata nell’immagine di strumento senza pretese delle strimpellate, alla portata di tutti, e dunque artisticamente non credibile, ma anche per molti musicisti cosiddetti classici spesso è una sorta di paria, che non è in orchestra e vive appartata per conto suo, al punto che, pur vantando una letteratura corposa, capace di attraversare tutte le età della storia della musica, di fatto non è stata mai scelta dai grandi geni per esprimere il loro pensiero musicale. Rispetto agli altri strumenti musicali, tutti assai più focalizzati in un ruolo, piccolo o grande che sia, nella storia della musica, la chitarra mostra di possedere una natura “altra”, e dunque multiforme, ambigua, versatile, al contempo coltissima e popolaresca, ma immancabilmente intima.”
E anche il caso di Schubert non smentisce nei fatti questa evidente tendenza: “Certo, perché la frequentazione fra Schubert e la chitarra ha dato esiti assolutamente marginali nella sua creazione artistica: a soli 16 anni egli compose una piccola Cantata per l’onomastico di suo padre per tre voci maschili e chitarra, dimostrando di saper scrivere efficacemente per lo strumento, un aspetto non così scontato, perché la chitarra è sempre stata considerata un rompicapo compositivo per chi non la suona, al punto che Berlioz nel suo Trattato di strumentazione, una vera e propria Bibbia per generazioni di compositori, sentenziò che per la chitarra potevano scrivere soltanto i chitarristi.

Nicoletta Confalone, Un angelo senza paradiso. La chitarra alla ricerca di Schubert, UtOrpheus 2017
Nicoletta Confalone, Un angelo senza paradiso. La chitarra alla ricerca di Schubert, UtOrpheus 2017

Eppure Schubert, dopo questa riuscita Cantata, alla chitarra non pensò più, se non per il riadattamento di un Trio per flauto, viola e chitarra di Wenzeslaus Matiegka, tra i migliori chitarristi a quell’epoca presenti a Vienna, trasformato in Quartetto, con l’aggiunta della parte per violoncello. Nient’altro.”
E i Lieder? Quella musica così intimamente schubertiana, in cui il grande viennese dà voce a sogni, fantasmi, paure nel contesto che più gli apparteneva, quello della riunione fra amici? “Ah, quello delle Schubertiadi è sicuramente l’habitat ideale per la chitarra, e infatti sin dal 1821, quando iniziano ad essere pubblicati alcuni suoi Lieder per canto e pianoforte, gli editori viennesi approntano anche delle versioni per canto e chitarra. Ma più che di trascrizioni si tratta di arrangiamenti, spesso banalizzanti rispetto alla profondità della scrittura pianistica schubertiana, e quindi non riconducibili alla penna di Schubert. È innegabile che certe sue pronunzie musicali sembrano concretamente ispirate alla chitarra, ma è altrettanto vero che il pianoforte, nella sua veste di fedele compagno del canto schubertiano, si fa arcolaio, arpa, ghironda, ruota di mulino, e dunque può trasformarsi anche in chitarra, senza che ciò implichi una sua specifica ispirazione strumentale.”
Dunque Schubert non cercava la chitarra, mentre i chitarristi lo hanno cercato, eccome. “Hanno cercato la sua musica, nella loro inesausta ricerca di un nume tutelare, di un grande della storia della musica in cui riconoscersi. E infatti, mentre la prima parte del mio libro vuole ricostruire il rapporto fra Schubert e la chitarra, la seconda parte si muove lungo l’opposto percorso dei chitarristi che cercano Schubert, e presenta una serie di ritratti di compositori che hanno scritto per chitarra pensando a Schubert. Figure molto diverse fra loro, ma tutte con una nota caratteriale di disadattamento, dai tratti così schubertiani.”
“Dunque, questo è un libro che per me rappresenta una grande sfida,” conclude la Confalone “quella di trasformare un argomento senza alcun dubbio minimale in una chiave di lettura del ruolo della chitarra nella storia della musica e del costume. Un libro in cui i chitarristi, specchiandosi in Schubert, svelano la propria forma mentis.”

Nicoletta Confalone
Un angelo senza paradiso. La chitarra alla ricerca di Schubert
Ut Orpheus Edizioni, Bologna, 2017
http://www.utorpheus.com/product_info.php?products_id=3357

Venezia / 57. Biennale d’Arte. Lo studio nomadico di Dawn Kasper

Dawn Kasper, The sun, the moon and the stars,, 57. Esposizione Internazionale d'Arte
Dawn Kasper, The sun, the moon and the stars, performance solo alla 57. Esposizione Internazionale d’Arte

in occasione della Tavola Aperta che si terrà  alla presenza di Dawn Kasper il 17 novembre 2017 alle Sale d’Armi dell’Arsenale di Venezia, menzioniamo la dinamica dell’eccezionale performance interpretata dall’artista americana il 24/09/2017 al Padiglione Centrale di Giardini nella mostra di Christine MacelViva Arte Viva“.
Collocata dalla curatrice al centro del mainstream rappresentato dalle sale centrali del Padiglione, la newyorkese Dawn Kasper, originaria di Halifax-Virginia, qui ha installato per sei mesi un happening permanente con il suo “Nomadic studio practice experiment“. Leggi tutto “Venezia / 57. Biennale d’Arte. Lo studio nomadico di Dawn Kasper”

#Venezia 74 / Caniba

#Venezia 74 Un'immagine del film Caniba, diretto da Lucien Casting Taylor & Verena Paravel
#Venezia 74 Un’immagine del film Caniba, diretto da Lucien Castaing-Taylor & Verena Paravel

Caniba è un film di Lucien Castaing – Taylor e Verena Paravel, già autori del documentario sperimentale Leviathan sull’industria ittica statunitense.
In questo nuovo lavoro i due registi hanno approfondito la storia di Issei Sagawa, che nel 1981 mentre studiava alla Sorbona, ha ucciso una compagna di studi olandese, per poi mangiarne i glutei e tentare di disfarsi del corpo.
Prima condannato, poi rimpatriato in Giappone dichiarato incapace di intendere e di volere, diviene personaggio televisivo, attore porno e autore di manga.
Nel film si sesseguono lunghe interviste ad Issei ed al fratello, che non si preoccupa a raccontare anche le sue di perversioni, tra cui tagliarsi e punzecchiarsi il braccio filmando il tutto.
Atteso come film scandalo del festival e passato pressoché inosservato, riesce comunque nel suo intento documentativo e antropologico (i due registi sono prima antropologi poi dedicatisi alle arti visive).
Tutte le riprese sono composte da primissimi piani asfissianti, spesso sfuocati e delineati. Colpisce la volontà degli autori ad affrontare una persona così inquietante, e la tranquillità con cui Sagawa si racconta alle telecamere.
Davide B.

74. Mostra Cinematografica Internazionale di Venezia.
Caniba
Sezione: Orizzonti
Regia: Lucien Castaing-Taylor, Verena Paravel
Produzione: Francia
Durata: 90′

#Venezia74 / La timida anzianità di Our Souls at Night

Venezia#74 Jane Fonda e Robert Redford si abbracciano al photocall del film Our Souls At Night, regia di Ritesh Batra. Foto Octavian Micleusanu
Venezia#74 I Leoni d’Oro alla Carriera Jane Fonda e Robert Redford si abbracciano al photocall del film Our Souls At Night, regia di Ritesh Batra. Foto Octavian Micleusanu

Hegel osserva da qualche parte che tutti i grandi avvenimenti e i grandi personaggi della storia universale si presentano, per così dire due volte. Ha dimenticato di aggiungere: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa
K. Marx

Venezia – ed eccoli qui nella loro “nubile vedovanza” i “Leoni d’oro alla carriera” Jane Fonda e Robert Redford, approdati alla Kermesse Veneziana, ospiti della Mostra del Cinema non solo per aggiungere un’altra tacca nello scaffale dei trofei ma anche per solleticare la sorte. Il celebre duo si propone al ciack di Ritesh Batra (Lunchbox, 2013), un regista Indiano di soli trentotto anni, che forse rimane in penombra, o forse non è abituato alla vecchiaia e all’amore? Leggi tutto “#Venezia74 / La timida anzianità di Our Souls at Night”

Maurizio Avi – Ritratto di Silvia

M. Avi, Silvia, 2013, olio su tela, 60 x 80 cm
M. Avi, Silvia, 2013, olio su tela, 60 x 80 cm

Maurizio Avi nasce a Zagarolo (Roma) nel 1953, da padre ebanista e madre cantante lirica. Qui inizia la propria formazione nel laboratorio del padre, a contatto con la natura.
Lo scultore Giuseppe Uncini lo “scoprirà” in seguito, all’Istituto d’Arte Roma 1, e con lui realizzerà preziosi gioielli d’autore.
Il giovane Avi comincia a frequentare gallerie e studi d’artista e, nel contempo, intraprende una collaborazione con il maestro Sergio Paternostro della ditta “Bulgari”, specializzandosi nella scultura di pietre preziose. Leggi tutto “Maurizio Avi – Ritratto di Silvia”