Venezia / Pietro Beretta: I ritratti espressionisti

Pietro Beretta, Ritratto di Signora - Aure complementari, della serie "Sguardi"
Pietro Beretta, Aure complementari, tecnica mista su tela, 40 x 40, serie “Sguardi”, 2019

Per tutto il mese di settembre 2020 i Ritratti Espressionisti dell’artista svizzero Pietro Beretta saranno in esposizione alla Galleria Café Imagina  di Venezia.
Beretta
è nato nel 1942 ad Ascona, alle pendici del mitico Monte Verità, crocevia di culture, e – dalla sua fondazione, ai primi del Novecento, da parte di una colonia teosofica, vegetariana, e naturista – luogo d’incontro di alcune tra le più grandi personalità della cultura del secolo: da Carl Jung che vi tenne un circolo teosofico, Eranos, cui parteciparono alcuni tra i maggiori intellettuali dell’epoca (tra cui il primo mitografo dell’era contemporanea, Karoly Kerenyi, e il filologo Max Muller) allo scrittore Thomas Mann che vi s’ispirò per la sua Montagna incantata, ad Hermann Hesse e D.H. Lawrence, a Marianne Werefkin e Alexandre von Jawlensky, questi ultimi, espressionisti provenienti dal Blaue Reiter di Kandinsky. Furono a Monte Verità anche El Lizzitsky, Hugo Ball, Jean Arp e Hans Richter, esponenti di Dada e Cabaret Voltaire, Arthur Segal, e Rudolf Von Laban, Mary Wigwam, Isadora Duncan, Charlotte Bara, e poi il Bauhaus di W. Gropius con Albers, Bayer, Breurer, Schlemmer, Feininger, Schavinsky, Mohloy-Nagy (nell’era del barone Von der Heydt) con la costruzione dell’hotel di Emil Fahrenkamp (pare, disegnato da Mies van der Rohe), e, sembra, Lenin, Trotsky e Bakunin. che aveva vissuto nella vicina Minusio. Tra i pittori ricordo anche l’astrattista di seconda generazione Luigi Pericle, recentemente riscoperto in una mostra alla veneziana Querini Stampalia.

L'artista svizzero Pietro Beretta nel suo studio di Locarno. Regge il dipinto Ritratto di signora - Aure complementari, dea serie "Sguardi"
L’artista svizzero Pietro Beretta nel suo studio di Locarno. Regge il dipinto Ritratto di signora – Aure complementari, della serie “Sguardi”

Si potrebbe dire, più che figlio d’arte – e lo fu perché la madre americana, Caterina Giese, che frequentava Werefkin e Kerenyi, era una libera pensatrice, letterata e ceramista – Pietro Beretta è figlio del Genius Loci.
Ed è proprio nella fabbrica di ceramiche fondata da Caterina ed Efrem, il padre – direttore della bicentenaria Birreria Nazionale Locarno, gestita dall’artista, fino alla sua dismissione, nel 1982 – che Pietro Beretta compie i primi passi nel mondo dell’arte.
Negli anni della formazione Pietro frequenta il liceo classico e poi si laurea in Ingegneria a Monaco, ma nel frattempo visita l’Europa con i fratelli, viene anche a Venezia, apprezza i classici, e raggiunge lo zio Emilio Maria (peintre de la Lumière, che fu a studio da Severini) a Parigi con il fratello Efrem, che poi è stato direttore del Museo di Ascona e della Fondazione Werefkin, il quale lo introduce all’arte contemporanea. Un altro zio, Camillo, fonda il Festival del cinema di Locarno.
Nel 1978, come presidente della Giovane camera di Commercio, insieme al gallerista Rinaldo Bianda, invita il curatore selvaggio Harald Szeeman e lo sostiene nell’impresa della mostra “Monte Verità. Le Mammelle della verità“, che ne consacra il successo.
Nei primi anni Ottanta, già separato, con tre figli, Rachele, Rocco e Luca, incontra la seconda moglie Annagret Engelberger, con la quale inizia un lungo sodalizio artistico, e con lei viaggia per i musei degli Stati Uniti, dove risiede Rachel, e si stabilisce a Cannes: qui inizia a dipingere, con un omaggio a Malevich, il Golden Square, e ad esporre i propri lavori. A Cannes intraprende una pittura di tipo materico –astratto ispirandosi a Tapies, Burri, Fautrier, e all’Art Brut di Dubuffet, Baj e, soprattutto, al poeta del movimento, Gaston Chaissac. Quindi, con l’espressionismo e il Nouveau Réalisme, passa agli ironici assemblaggi, pacifisti, animalisti, a favore dei diritti umani, e poi la sua vis creativa si esprime attraverso collage, dècollage, dechirage, (Villeglé, Hains e Rotella) e nelle bellissime Art Box collection, realizzate a partire dalle scatole di legno del vino con Annagret. Il sogno finisce due anni fa, quando lei viene a mancare.

Dopo due anni di silenzio, dalle profondità dell’inconscio dell’artista, nascono questi ritratti di piccolo formato, quasi delle pinakes, tavolette votive, che il pittore chiama “Sguardi”, poiché è nel contatto tra lo sguardo dei soggetti con quello del fruitore, analogamente a quanto accadeva per le icone greco-ortodosse , eredi della ritrattistica romano-alessandrina (Fayyum), che avviene la comunicazione, il dialogo con l’opera.
Pietro Beretta qui reinterpreta con sensibilità contemporanea l’espressionismo di Jawlensky, Werefkin, Kirkner e Van Dongen, l’Art Brut e la Pop.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 1, tecnica mista, 2019

In questa mostra i lavori sono suddivisi in 4 aree tematiche, la prima, relativa alla materia, si riconduce alla prima produzione dell’artista, materico-astratta. Nella prima serie di icone, è proprio una materia originaria, indifferenziata, primigenia, Hyle, di cui l’uomo è parte integrante, ad avere un peso preponderante. Da qui sorgono questi ritratti.
Ad esempio, ho denominato  “orfica” la, la testa classica n. 1, proprio perché è incisa su di una base di pigmento giallo limone, mescolato a sabbia e colla, così come lo sfondo, giocato sulle gamme della terra di Siena Bruciata, del Rosso Ercolano e Ossido egizio, di modo da dare un effetto dorato, ramato, metallico, come lo erano le lamine orfiche.
Inoltre, Pietro Beretta, come un moderno Orfeo, insegue in questi ritratti la sua Euridice, e, nel corso di questa sua ricerca nelle profondità dell’inconscio (ricordiamo che la sorella è psicanalista junghiana), emerge, tra le immagini mnestiche, tutta la memoria dei suoi incontri, le serie iconologiche, la storia dell’arte da lui amata: tutto ciò si riversa come flusso di coscienza nella sua pittura.
Materica è l’effige n. 2, un volto femminile inciso come un graffito rupestre, con pochi segni sulla materia grassa e crettata, che rimanda all’arte fittile, ed è proprio Lei, la sostanza cosmica e universale da cui tutti noi proveniamo e verso cui tutti noi ritorniamo, a parlarci, con una dolcezza del tutto femminile, primeva, ctonia, con riferimento a l’École de Paris.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 2,, 40 x 40, tecnica mista,,2019
Pietro Beretta, Sguardi, n. 2,, 40 x 40, tecnica mista,,2019

Il peso della materia s’alleggerisce, ma non è meno importante nella seconda serie di quadri considerata, dipinta su carta da imballaggio Avana, con pochi tratti sintetici, Jawlenskiani, illuminati dall’energia dei pigmenti acquistati in Marocco, la maggior parte terre ed ossidi.
Un doppio omaggio a Marianne Werefkin e a Michelangelo Merisi è ad esempio nello Sguardo n. 14, che cita il ritratto del fabbricante di fiori e nastri di seta – e di divise militari per George Washington e Napoleone – Sigmund Otto Joseph von Treskow, realizzato postumo dalla pittrice russa d’après Caravaggio (Bacco, Uffizi, c. 1596 e Ragazzo morso da un Ramarro, Fondazione Longhi, 1594-1596). La Werefkina interpreta l’originale caravaggesco attraverso il filtro gauguiniano e spinge la sua rilettura a sovrapporre al dio indico il volto di Buddha – von Treskow, i fiori tra le chiome invece dei tralci di vite.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 2,, 40 x 40, tecnica mista, su carta Avana,,2019
Pietro Beretta, Sguardi, n. 14,, 40 x 40, tecnica mista su carta Avana,2019

Il nastro tradizionalmente è interpretato come metafora del legame neoplatonico tra l’umano e il divino e la rosa rappresenta l’Amore che tutto vince. Ricordiamo che proprio in epoca alessandrina, con il tema del Trionfo di Bacco di ritorno dalle indie, nasce l’iconografia dell’imperatore vittorioso portato in trionfo sul carro. Beretta ne realizza una versione Brut, dai colori mediterranei, (lacche rosse, ocre e blu oltremare) restituendo rotondità e senso estatico al volto di Bacco dipinto con tecnica mista su carta e policarbonato.
D’après il Dhôtel nuancé d’abricot  (1947) di Dubuffet, oggi al Pompidou, è lo Sguardo n. 12, una “maschera” folle, resa con la ripetizione seriale e “ossessiva” del segno, nel sintagma visivo occhi-naso, e nella “griglia” della dentatura esibita.

Lo Sguardo n. 15, invece, è il primo di una serie di

Pietro Beretta, Sguardi, n. 14,, 40 x 40, tecnica mista,,2019
Pietro Beretta, Sguardi, n. 14, 40 x 40, tecnica mista, 2019

Femmes au chapeaux, dipinte in omaggio a Kees Van Dongen. In particolare, questo quadro cita la Jeune fille au chapeau del 1908–1910 (collezione privata). La più matura signora raffigurata da Beretta conserva nell’insieme la fisionomia del modello, così come il grande cappello rosso lacca con la falda arancione ercolanese, cui è complementare la “quinta” vinaccia in basso a destra. Quest’ultima è bilanciata dalla corrispondente scala di blu e azzurri a sinistra, dove compare come inserto materico, una macchia nera d’après la Dama a Mosca di Kandinsky. Il pallido incarnato del volto, secondo la lezione di Werefkin/Jawlensky, è delicatamente animato da una palette di velature “psicologiche” verdi, gialli e violette. Non compare la veste verde oliva dell’originale, ma la traccia mnestica del colore si effonde nel registro inferiore e intorno all’asse verticale del quadro, complice la tecnica di spazzolatura delle superfici.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 20, 40 x 40, tecnica mista,,2019
Pietro Beretta, Sguardi, n. 20, 40 x 40, tecnica mista,,2019

Alle Lady in a Yellow Straw Hat (1910), Infantin (Spanierin) del 1912-13, Blauer Shawl (1912) e a La mantilla (1913) di Alexej Jawlensky è ispirato l’auratico scialle blu dalla ridondanza eterea del ritratto n. 20.

Il riferimento al modello matissiano (La femme au chapeau, 1905) è puramente concettuale nello Sguardo n. 21: il dipinto inaugura una serie di quadri post-pop. La forma del cappello è sintetizzata nell’ampia ellissi purpurea, con intrusioni di lacca rossa, che adombra il volto triangolare campito di blu cobalto chiaro.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 28, 40 x 40, tecnica mista,2020
Pietro Beretta, Sguardi, n. 28, 40 x 40, tecnica mista,2020

Gli ultimi dipinti, infatti, si distinguono per le ampie campiture piatte sature di colori puri e dalle linee sintetiche di ascendenza Jugendstil e poi Pop. Lo Sguardo n. 28 è un gioioso omaggio all’arte di Gaston Chaissac, con la fedele reinvenzione di uno dei suoi personaggi più noti e amati: si rivolge al fruitore di sottinsù, col sorriso e gli occhi spalancati di un bambino. Il turchese del volto, secondo il teosofo C.W. Leadbeater, indica devozione ad alti ideali. Il basco vermiglione, l’orgoglio che ne deriva; il maglione giallo limone, l’intelligenza spirituale; quest’ultima è partecipe del grande intelletto solare, giallo fuoco, dello sfondo, insieme al verde della natura e alla sciarpa viola del soggetto, che si unisce alla policromia corale del paesaggio, in rappresentanza della coscienza emozionale.
Il ritmo festoso e altalenante cui partecipa ogni elemento del quadro, nel gioco degli opposti e dei complementari, è cadenzato dalla morbida linea cloisonné che esalta la luminosità dell’opera.

Pietro Beretta, Sguardi, n. 26, 40 x 40, tecnica mista,2019
Pietro Beretta, Sguardi, n. 26, 40 x 40, tecnica mista, 2019

In conclu sione, questi ritratti, così fortemente caratterizzati nella loro individualità formano la parole dell’artista, che tuttavia si rivolge al fruitore,  attraverso gli strumenti della pittura, nella langue dell’inconscio collettivo, per comunicare, per dialogare e sorridere con lui, configurandosi in tal modo come il ritratto di un’umanità che si presenta con l’afflato corale di una contemporanea Spoon River.
Roberta Reali

Pietro Beretta. Ritratti Espressionisti
1-30 settembre 2020
Café Imagina
Campo Santa Margherita (Dorsoduro)
3126 – Venezia
Grafica: Emilia Milazzo Rusconi Camerini
Ufficio stampa: FG communication
[email protected]

Il desiderio di libertà di Osvaldo Licini alla GAM di Torino

Osvaldo Licini 'Amalassunta su fondo blu'
Osvaldo Licini Amalassunta su fondo blu, 1950 olio su tela, cm 20.5 x 27 Collezione privata

Presso la Galleria d’Arte Moderna di Torino, dal 24 ottobre 2010 al 30 gennaio 2011, viene presentata un’ampia retrospettiva di Osvaldo Licini, maestro dell’astrattismo italiano ed internazionale, nato nel 1894 a Monte Vidon Corrado e deceduto nel 1958.

Affidata ad un comitato scientifico composto da Zeno Birolli, Luciano Caramel, Fabrizio d’Amico, Danilo Eccher e Riccardo Passoni, la rassegna presenta cento capolavori provenienti dalle collezioni di Silvia e Lorenzo Licini, di Bruno e Matteo Lorenzelli, oltre che da importanti collezioni pubbliche e private, comprese le opere appartenenti alla collezione permanente del GAM.

Sono esposti, in un percorso cronologico, i quadri degli esordi, segnati dal periodo parigino, altre opere in cui si riconosce l’avvicinamento all’astrattismo internazionale, fino alle ultime creazioni caratterizzate dai temi fantastici delle Amalasunte e degli Angeli ribelli, quest’ultime appartenenti alla stagione più mitica e poetica della produzione dell’artista.

Figura di notevole spessore artistico ed intellettuale, Licini, benché schivo ed apparentemente appartato, ha saputo imprimere nella pittura italiana una propria geniale espressione, costruita con straordinaria consapevolezza del suo essere artista complesso, profondamente coinvolto nelle problematiche culturali di quegli anni e nel contempo distanziato e provocatorio. Nella sua opera, pur alimentata da un’incessante riflessione e da contatti importanti, tra i quali ricordiamo Modigliani, Picasso e Kandinsky, emerge ininterrotto un filo di sottile diversità che pone l’artista in un singolare confronto dialettico con i movimenti dell’arte del suo tempo, siano essi figurativi o astratti. In particolare si evidenzia un atteggiamento intellettuale fortemente autonomo ed anticonformista, retaggio di quel ribellismo futurista a cui l’artista si era ispirato nel periodo giovanile trascorso con l’amico Giorgio Morandi presso l’Accademia delle Belle Arti di Bologna.

Ne è esempio tra tutti la serie degli ‘Angeli Ribelli’, figure mitiche e letterarie connotate da uno straordinario lirismo trasgressivo. In realtà, trattasi di modelli simbolici assunti a rappresentazione di un assoluto desiderio di libertà fuori dagli schemi culturali e da ogni regola, anche della stessa pittura, votati, per sorte o per necessità, ad errare in uno spazio etereo e solitario, intensamente poetico ed incerto.

Vanni Cantà

Osvaldo Licini: capolavori – Masterworks
dal 24 ottobre 2010 al 30 gennaio 2011
GAM-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea
Via Magenta, 31 10128 Torino – Italy
+39 011 4429518 centralino
+39 011 4429595 segreteria
Orari collezioni e mostre
Da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00
Lunedì chiuso. La biglietteria chiude un’ora prima
www.gamtorino.it

Wassily Kandinsky, Utopia in blu

Vasily Kandinsky, Dipinto blu, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Donazione, Fuller Foundation, Inc. 76.2277
Vasily Kandinsky, Dipinto blu, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Donazione, Fuller Foundation, Inc. 76.2277

«Ogni opera nasce così, come nasce il Cosmo, attraverso le catastrofi che dal caotico frastuono degli strumenti vanno a formare una Sinfonia, la Musica delle sfere. La creazione di un’opera è la creazione del mondo».
Così nel 1909 Wassily Kandinsky (1866-1943 ) scrive nel suo famoso saggio Lo spirituale nell’arte, poco prima di dipingere il primo acquerello astratto della storia (1910). Il pittore, che fin dagli anni giovanili suonava pianoforte e violoncello, riconosce classicamente alla musica il primato tra le arti poiché, con vibrazioni e silenzi, simpatie e unisoni è particolarmente atta  «all’espressione dell’animo dell’artista e alla creazione di una vita autonoma attraverso i suoni musicali».
È l’ascolto del Loenghrin di Richard Wagner ad ispirare l’astrazione di forme e cromatismi “primitivi” adottati dall’artista nei suoi dipinti ispirati alle fiabe e alle tradizioni russe:  «Vidi nella mente tutti i miei colori, erano davanti ai miei occhi; linee tumultuose quasi folli si disegnavano davanti a me». Allora, l’artista, visionario e profeta, individua una forma di pittura «più spirituale» per esprimere il proprio «suono interiore» ed elabora un proprio alfabeto pittorico-musicale, ispirandosi alla teosofia di H.P.Blavatsky e alla ricerca parallela di musicisti quali Schoenberg, Skriabin, Rimsky-Korsakov. I suoi dipinti si chiamano Romanze, Composizioni, Impressioni, Improvvisazioni e affermano la sinestesia tra le arti e il concetto di unità delle stesse promosso dalle avanguardie.
Prendiamo in esame, a tale proposito, il Dipinto blu del 1924, conservato al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, e attualmente esposto in occasione della mostra Utopia Matters: dalle confraternite al Bauhaus, in corso alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia fino al 25 luglio: sul fondo, una vellutata sinfonia di azzurri rimanda alla profondità cosmica dell’anima e al suono di organo, contrabbasso, violoncello e flauto; di lì, perfusa di un’aura luminosa,  emerge una composizione geometrica dai colori accesi, impostata dinamicamente sulla diagonale. Ogni forma è in equilibrio instabile, pulsa ed è resa vibrante dalla qualità cinetica del colore; inoltre, partecipa del movimento collettivo creato dall’armonica tensione degli opposti (caldo/freddo, triangolo/cerchio ecc) .
Il triangolo giallo semitrasparente spicca per contrasto dal fondo blu come uno squillo di tromba ed è bilanciato dal più piccolo ma “pesante” quadrato, che emerge in basso a destra, saturo del “liquido” rosso cinabro (ottoni). Le tre sfere più grandi, concorrono a definire la misura  aurea di uno spazio solo apparentemente bidimensionale. Le linee imprimono la direzione del moto e punti, legature ed altre notazioni musicali, ne marcano il carattere e il ritmo. Il giallo è eccitante e centrifugo, il blu rilassante e centripeto, il verde è stabile e pacificante, il rosso vivificante. Leggi tutto “Wassily Kandinsky, Utopia in blu”