Renato De Grandis. Un compositore veneziano a Darmstadt

oloncello Serenata seconda di Renato De Grandis (26 novembre 2018). Foto Anna Maria Griseri
Venezia, Ateneo Veneto, Carlo Teodoro esegue al violoncello Serenata seconda di Renato De Grandis per Exnovo musica  (26 novembre 2018). Foto Anna Maria Griseri

Venezia, Ateneo Veneto. Lunedi 26 novembre 2018 il compositore Claudio Ambrosini di Exnovo Musica ha presentato il libro Renato De Grandis, un compositore veneziano a Darmstadt, edito da Libreria Musicale Italiana, a cura di Franco Ballardini e Massimo Priori . Gli autori sono intervenuti con autorevoli discorsi sull’uomo, musicista e teosofo De Grandis insieme alla musicologa Angela Caroni, inviata dalla Fondazione Cini cui è stato donato il fondo di scritti e spartiti di Renato De Grandis. L’incontro si è concluso con l’intensa commemorazione del musicologo Christoph Hahn, cui è seguita la voce di Brigitte Grossmann, moglie del compositore e curatrice della sua memoria, che ha tradotto una lettera del Dr. Andreas Krause, responsabile della sezione classica contemporanea nell’editrice Schott Music, e docente all’università di Mainz che non ha potuto presenziare.  Leggi tutto “Renato De Grandis. Un compositore veneziano a Darmstadt”

Nuria Schönberg: Il Festival Luigi Nono alla Giudecca

Claudio Abbado, Luigi Nono, Emilio Vedova, Massimo Cacciari, Foto Graziano Arici, in mostra al Festival Luigi Nono 2017
Claudio Abbado , Luigi Nono: Emilio Vedova e Massimo Cacciari a Venezia, 1984, per il “Prometeo – Tragedia dell’ascolto”, opera del compositore veneziano © Graziano Arici (Festival Luigi Nono 2017)

Nel caldo ottobre veneziano 2017 è nato nell’isola della Giudecca il Festival Luigi Nono, omaggio al compositore, indiscusso protagonista della musica elettronica del secolo scorso. Grande e calorosa la partecipazione intellettuale e popolare al nutrito programma di eventi, tavole rotonde, concerti, mostre, spettacoli, incontri e simposi che si sono tenuti nei luoghi storici, gallerie, centri culturali e nelle trattorie e bacari giudecchini.La famiglia e i più stretti collaboratori, a partire dall’Archivio Luigi Nono (ex convento SS. Cosma e Damiano), hanno voluto creare un nuovo ambito di confronto e diffusione a partire dalla produzione artistica del compositore. Si è creata così
un’occasione per conoscere tanti spazi dell’isola e partecipare a vari appuntamenti multidisciplinari e di incontro tra gli artisti e con il pubblico, internazionale e dell’isola. Fortemente voluto il carattere gratuito delle iniziative dell’intero Festival che hanno presentato momenti di riflessione filosofica, storica, presentazioni cinematografiche, letterarie, fotografiche, di danza e di archivio oltre alle varie esecuzioni musicali.
Abbiamo incontrato le ideatrici, del Festival, Nuria Schönberg e Serena Nono, rispettivamente compagna e figlia del compositore, che hanno risposto alle nostre domande:

Com’è nata l’idea del Festival Luigi Nono alla Giudecca?
L’idea per il Festival Luigi Nono alla Giudecca ci è venuta quando stavamo pensando a come si potevano fare uscire i materiali conservati all’archivio in occasione di eventi a cui avrebbero partecipato altre realtà culturali e sociali presenti alla Giudecca e personalità della cultura internazionale invitate con progetti inerenti all’opera di Nono. L’idea era di proporre un Festival che fosse diffuso nei tanti spazi presenti sull’isola, sia per far conoscere gli spazi, sia per coinvolgere gli altri operatori culturali e sociali di queste strutture. Filo conduttore del Festival è stata la vita e l’opera di Luigi Nono, per offrire un ritratto del compositore attraverso appuntamenti di musica e danza, esposizioni fotografiche e documentarie, proiezioni di film, conferenze, reading, e attività per bambini.
Le associazioni, le persone e gli enti coinvolti nel Festival hanno partecipato con attività specificatamente ideate per questo progetto, al fine di valorizzare i materiali conservati all’Archivio Luigi Nono e/o ispirandosi al lavoro del compositore.
Luigi Nono ha vissuto la maggior parte della sua vita sull’isola della Giudecca, e ha contribuito alla vita culturale, politica e sociale dell’isola, anche per questo motivo il Festival si è svolto alla Giudecca, cercando di portare avanti un atteggiamento e coinvolgimento propositivo culturale attuale.

Un programma molto ricco di appuntamenti e proposte molto diverse che hanno portato il pubblico a visitare tanti luoghi della Giudecca ma anche che hanno intersecato discipline molto diverse intorno al lavoro di Luigi Nono. Sei contenta della risposta del pubblico alla vostra proposta culturale?
Il pubblico, molto vario per età e per provenienza sociale e geografica, ha risposto con entusiasmo. A quasi ogni evento c’era il “tutto esaurito”, e abbiamo percepito un grande interesse per la qualità delle nostre proposte e per la varietà degli eventi che potevano interessare pubblici molto diversi.

Qual è l’importanza e l’attualità del lavoro di Luigi Nono e di Arnold Schönberg, visto che sei anche presidente del suo archivio, per le generazioni presenti e future?
Nella mia esperienza ho potuto osservare che quando la musica di Schönberg o di Nono viene eseguita da esecutori che capiscono la musica e che la suonano per comunicare le emozioni e le bellezze che il compositore ha voluto esprimere, il publico risponde positivamente. Se nessuno influenza gli ascoltatori dicendo che la musica è “difficile”, se uno la ascolta senza pregiudizi, spesso può avere un’esperienza simile a quella dell’ascolto della musica tradizionale. Esiste anche l’ascolto “colto” di chi ha studiato il pezzo ma non è detto che questo garantisca il godimento della musica. Spesso, durante il Festival, dove la musica veniva presentata in ambienti che non erano sale di concerto, ho sentito commenti tipo “che bella musica”, e gli applausi non mancavano.

Ci puoi raccontare la vita dell’Archivio e la disponibilità al pubblico che offrite?
L’Archivio Luigi Nono è nato nel 1993, tre anni dopo la scomparsa di Luigi Nono. Contiene tutto il lascito del compositore: manoscritti musicali e scritti, corrispondenza, biblioteca, foto ecc. E’ aperto a chiunque desideri conoscere la musica, il pensiero e la vita di Nono. E’ aperto al pubblico e agli studiosi da lunedì a giovedì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16. Io faccio anche visite guidate per gruppi e per singoli.

Qual’è stato il feedback per quest’iniziativa nuova appena conclusa, tirando le somme del festival sei felice di come siano stati seguiti anche da anime molto differenti, veneziani e internazionali, i vari appuntamenti?
Ci viene continuamente chiesto se rifaremo il Festival, crediamo che siano stati 5 giorni di grande coinvolgimento e movimento nella vita culturale di Venezia.

Pensate come Archivio Luigi Nono di ripetere l’esperienza o di fare altre iniziative d’importanza equivalente l’anno prossimo e creare un appuntamento fisso?
Sarebbe molto bello portare avanti questa esperienza, allargando la partecipazione ad altre personalità della vita culturale: artisti e intellettuali per continuare ad esplorare la vita e le opere di Nono e per dar luogo a nuove interpretazioni, azioni artistiche e incontri che si collochino nell’attualità e che si interroghino sulle problematiche dell’oggi.
Livia Marques
livia@gnomix.net

Festival Luigi Nono
Fondazione Archivio Luigi Nono ONLUS
Giudecca 619/621, ex convento SS. Cosma e Damiano, 30133 Venezia
Tel. 041 5209713
info@luiginono.it
www.luiginono.it

Location: SILOS Art Inside Venezia; Emergency, sede di Venezia; Centro Culturale “Renato Nardi”; Centro Teatrale di Ricerca; CZ95 – Centro Culturale Zitelle; Teatro Junghans – Accademia Teatrale Veneta; IVESER Istituto Veneziano per la Storia della Resistenza e della società contemporanea; Spazio Bocciofila; Studio Giudecca 860; Spazio Punch; Cantiere Navale Gruppo Faldis; ARCI Luigi Nono; Trattoria Altanella; Cucina snack “La Palanca” .

Suoni, ricerca e partiture: Venezia, Biennale Musica. EST!

Michele Marco Rossi,, Biennale Musica 2017, Courtesy La Biennale di Venezia / foto A. Avezzu’
Michele Marco Rossi,, Biennale Musica 2017, Courtesy La Biennale di Venezia / foto A. Avezzu’

Quando le luci si allungano e piano piano inizia l’autunno, in quell’arco di tempo tra fine settembre e inizio ottobre, Venezia è bellissima più che mai e ospita vari eventi dedicati alla musica come ambito di ricerca del contemporaneo. Biennale Musica invita all’ascolto dei suoni ispirati ai mondi estremo-orientali e infatti l’edizione 2017 viene intitolata EST! e , come sempre, annovera un mix di musicisti provenienti da tutto il mondo. Leggi tutto “Suoni, ricerca e partiture: Venezia, Biennale Musica. EST!”

Biennale Musica: dalla Luce di Rothko al Mare di Debussy

Venezia, Biennale Musica, Concerto della Radio-Sinfonieorchester Stuttgart, 12 ottobre 2012
Venezia, Biennale Musica, Concerto della Radio-Sinfonieorchester Stuttgart, 12 ottobre 2012

Stoccarda è la patria della Porsche e di Hegel. Ma anche della Radio-Sinfonieorchester Stuttgart des SWR, straordinario complesso orchestrale, fondato nel 1945 dalle autorità di occupazione americana, forgiato nell’arco del suo primo ventennio da Hans Müller-Kray, e in seguito scelto e diretto da alcuni fra i maggiori direttori del nostro tempo.
Un nome su tutti: Sergiu Celibidache.
Al veneziano Teatro delle Tese, nella stagione 2012 di Biennale Musica, l’orchestra tedesca si è presentata nel suo massimo spiegamento di forze: erano più di ottanta, sotto la direzione di Michel Tabachnik, l’attuale direttore musicale della Brussels Philharmonic Orchestra. Leggi tutto “Biennale Musica: dalla Luce di Rothko al Mare di Debussy”

Biennale Musica/I Sentieri Selvaggi e la nuova musica moscovita

 

 

Sentieri Selvaggi,Venezia, 55. Festival Internazionale di Musica Contemporanea
Sentieri Selvaggi,Venezia, 55. Festival Internazionale di Musica Contemporanea

 

Biennale Musica 2011: Venezia, Teatro Malibran, 29 e 30 Settembre 2011, Sentieri Selvaggi e Studio for new music Moscow.
Sentieri Selvaggi e Studio for new music Moscow sono due ensemble quasi coetanei: infatti, il gruppo milanese è stato fondato nel 1997 da Carlo Boccadoro, Filippo Del Corno e Angelo Miotto, mentre il 1993 è l’anno di nascita della formazione russa all’interno del Conservatorio di Mosca, grazie all’ucraino Vladimir Tarnopolski, docente di Musica Elettronica.

Leggi tutto “Biennale Musica/I Sentieri Selvaggi e la nuova musica moscovita”